Come scegliere un buon broker forex

Un segreto per avere successo nel trading forex è scegliere un buon broker, ma come riconoscerlo?
La prima cosa da controllare quando si vuole iniziare a fare trading forex è la licenza, la normativa prevede che la stessa sia indicata sul sito insieme al nome dell'autorità che l'ha rilasciata. La normativa dell'Unione Europea, a tutela degli investitori, prevede che per poter fornire servizi di intermediazione finanziaria è necessario avere una licenza. La stessa viene rilasciata da autorità pubbliche indipendenti che ogni Stato dell'Unione Europea individua, ad esempio in Italia è la CONSOB. La licenza assicura che il broker opera nel pieno rispetto della normativa su sicurezza e trasparenza grazie a controlli preventivi e successivi.
In secondo luogo occorre controllare le piattaforme che devono essere di ultima generazione, intuitive e, inoltre devono permettere di prendere visione di grafici aggiornati in tempo reale dal mondo dell'economia. Al fine di provare le piattaforme il broker dovrebbe mettere a disposizione anche un conto demo, conto virtuale che consente di provare a fare trading senza investire soldi veri.
Dopo aver valutato questi fattori è necessario anche controllare se il broker prevede del materiale didattico e un'assistenza efficiente e soprattutto disponibile nella propria lingua, grazie anche a sedi in Italia. Insomma è necessario avere all'altro capo del telefono o del computer una persona che parla bene l'italiano. È molto importante quando si investono dei soldi avere a disposizione del personale in grado di aiutare a risolvere dubbi o problemi, se questo manca il rischio di sentirsi persi è davvero alto.
Per scegliere il broker è bene prendere visione anche del rapporto di leva, infatti soprattutto per chi è agli esordi un leverage alto, ad esempio 1:400, potrebbe essere controproducente e generare ingenti perdite.
Da evitare anche i broker che richiedono un deposito iniziale eccessivamente elevato in quanto potrebbe poi essere difficile recuperare i soldi nel caso in cui non si volesse più investire nel trading forex.
Fonte: http://tradingonlinebroker.com