Prestiti inpdap per i militari

Prestiti Inpdap per i militari gestiti dall'Inps
Dal 2012 l'Inpdap ha ceduto le proprie competenze all'Inps che ha creato la Gestione Dipendenti Pubblici per assolvere le funzioni relative alle prestazioni dirette ai pensionati e ai lavoratori del pubblico impiego. Continuano a essere erogati i prestiti in favore delle persone iscritte alla gestione tra cui gli appartenenti alle forze armate e alle forze dell'ordine.

La classificazione dei militari per i prestiti Inpdap
L'accesso ai finanziamenti viene concesso a tutti coloro che appartengono alle Forze Armate, come vengono definite le componenti militari della Repubblica Italiana. Ci sono quattro Forze e fanno capo al Ministero della Difesa:
- Esercito Italiano;
- Marina Militare;
- Areonautica Militare;
- Arma dei Carabinieri, rientrante anche tra le forze di polizia.

I prestiti Inpdap per i militari
I corpi di polizia e le Forze Armate vengono equiparati e i loro lavoratori e pensionati possono richiedere i prestiti Inpdap per i militari, suddivisi in due tipologie:
- Fondo Credito dedicato ai dipendenti e ai pensionati del settore pubblico e regolarmente iscritti alla "Gestione Unitaria Autonoma delle Prestazioni Creditizie e Sociali" con erogazione diretta da parte dell'Inps;
- le convenzioni siglate dall'Inps con diversi istituti di credito che erogano i propri prestiti agli aventi diritto, praticando condizioni agevolate.
Per quanto riguarda i prestiti ottenibili ce ne sono di tre tipi:
- piccolo prestito;
- prestito pluriennale diretto;
- prestito pluriennale garantito.
Ognuno di questi ha peculiarità differenti in merito alla somma ottenibile, al numero e all'importo delle rate e ai tassi d'interesse applicati.

I piccoli prestiti Inpdap per i militari
Si tratta di un finanziamento non finalizzato, quindi senza la richiesta di una giustificazione relativa alle spese da sostenere. La modalità adottata è la cessione del quinto dello stipendio o della pensione e il piano di rimborso del debito ha una durata variabile tra uno e quattro anni. In tutti i casi i lavoratori delle Forze Armate devono fare domanda all'amministrazione di competenza, mentre i militari in pensione devono necessariamente avanzare l'istanza per via telematica sul sito dell'Inps, nella parte dedicata all'ex Inpdap. La rata non può superare il 20% della cifra netta mensile dello stipendio o della pensione e la cifra richiedibile ammonta a una mensilità della retribuzione o della pensione se si scelgono 12 rate, due mensilità per i due anni di durata, tre mensilità per 36 rate e quattro mensilità per quattro anni. Le somme vanno sempre intese al netto del salario o della pensione. Il tasso di interesse annuo viene calcolato al 4,25% a cui si aggiunge lo 0,50% per i costi amministrativi e una spesa variabile del premio Fondo Rischi, determinata a seconda del caso specifico.

I prestiti Inpdap pluriennali diretti per militari
I finanziamenti con una durata più lunga permettono di avere cifre più importanti, ma sono finalizzati, quindi devono essere richiesti per affrontare spese specifiche e dimostrate. Si usa la modalità della cessione del quinto dello stipendio o della pensione, quindi la rata non può essere superiore al 20% del netto della somma percepita mensilmente. La richiesta da parte dei lavoratori può essere avanzata con l'esistenza di alcuni requisiti:
- contratto a tempo indeterminato;
- quattro anni di anzianità di servizio;
- quattro anni di versamenti dei contributi all'interno della Gestione Unitaria.
Nel caso di lavoro a tempo determinato bisogna comunque avere almeno tre anni di attività e si deve presentare la garanzia del TFR, così che un'eventuale perdita di lavoro permetta all'Inps di recuperare dal Trattamento di Fine Rapporto l'ammontare del debito contratto con i prestiti Inpdap per i militari. La durata complessiva, in ogni caso, può essere di cinque o di dieci anni. Il tasso di interesse annuo equivale al 3,5% a cui si devono aggiungere lo 0,5% per i costi di amministrazione e il premio relativo al fondo rischi da definire sul caso specifico. Per richiedere il finanziamento bisogna compilare gli appositi moduli da inviare online seguendo le istruzioni sul sito internet dell'Inps.

I prestiti pluriennali garantiti dell'Inpdap per i militari
Questa tipologia di finanziamento viene erogato dagli istituti di credito convenzionati con l'Inps, ma a garantire per il richiedente ci pensa l'Inps in caso di morte, di cessazione del rapporto di lavoro o di riduzione del salario. L'utilizzo della cessione del quinto dello stipendio caratterizza il prestito Inpdap pluriennale garantito per i militari, così il rimborso avviene con la trattenuta diretta sul salario. Non è ammessa l'istanza da parte dei pensionati, ma solamente dei lavoratori in servizio. Bisogna essere iscritti regolarmente alla Gestione unitaria e si devono avere effettuati versamenti per almeno quattro anni, che scendono a due anni nel caso degli invalidi, dei militari mutilati di guerra o con una decorazione al valore militare. Il prestito può avere una durata di cinque o di dieci anni e beneficia di un tasso di interesse annuo variabile a seconda delle proposte delle singole banche e finanziarie. Oltre alla percentuale praticata è necessario aggiungere lo 0,5% relativo ai costi amministrativi e il premio che compensa il rischio di insolvenza, calcolato all'1,5% per la durata quinquennale e al 3% per la durata decennale. L'istanza va presentata all'amministrazione di competenza che provvede ad avviare le pratiche necessarie. La banca o la finanziaria effettuano un controllo sul rispetto dei requisiti da parte di chi fa richiesta.